Italia che rinnova: anche “l’energia che nasce dal legno” sostiene il movimento internazionale “Fridays for Future” e il “Global Strike for Climate” del 15 marzo 2019.

La forte preoccupazione per il futuro climatico della Terra e la necessità assoluta di sensibilizzare i governi e le altre istituzioni mondiali di riferimento verso politiche che affrontino con decisione i problemi dell’ambiente sono i motivi principali che hanno dato vita nel 2018 al movimento internazionale “Fridays for Future”.

“L’Italia che Rinnova” – progetto di sensibilizzazione che promuove il legno come energia nuova per un Paese sostenibile e cha ha tra i promotori Legambiente e AIEL sostiene apertamente il movimento riconoscendosi nei suoi valori e nei suoi obiettivi.

Il 15 marzo tutto il mondo è chiamato a manifestare pacificamente, in piazza e in rete con ogni strumento, nel “Global Strike for Climate”. L’Italia che Rinnova contribuisce alla campagna ricordando il ruolo dell’energia che nasce dal legno per un futuro sostenibile:

  • l’evoluzione tecnologica degli apparecchi domestici e delle caldaie a legna e pellet, settore che vede forti investimenti, ha già consentito una significativa riduzione delle emissioni, fino all’80% rispetto ai vecchi generatori;
  • il prelievo programmato del legno dai boschi consente un’economia circolare sostenibile e tutela il patrimonio boschivo;
  • come prima fonte di energia rinnovabile (40% nel mondo e 33% in Italia), con 32.000 occupati in Italia e 352.000 in Europa, è in prima linea per il raggiungimento degli obiettivi europei sulle energie rinnovabili.

I promotori dell’Italia che Rinnova sono: Legambiente, Aiel, Risorsa Legno, Anfus e Assocosma. Il progetto nasce da associazioni, istituzioni, operatori, imprese per valorizzare, migliorare e sviluppare l’energia che viene dal legno. Nell’interesse dell’ambiente, dei consumatori, del Paese.